LA BATTAGLIA DEI CAMPI RAUDI – 30 LUGLIO 101 a.C.

Nel corso dei primi secoli prima della nascita di Cristo, i celti erano in declino. Ciò diede impulso a migrazioni di germani verso i territori un tempo occupati dalla cultura celtica.

Roma, temendo che la migrazione potesse colpire i suoi territori e quelli alleati, decise di intervenire per fermare il flusso di genti.

Guidati dal console Gaio Mario, i romani sconfissero una coalizione composta da cimbri, teutoni ed Ambroni, massacrando qualcosa come 140.000 persone presso l’attuale città di Vercelli.

A cosa è dovuta tale carneficina? I popoli germanici stavano migrando, dunque viaggiavano con le rispettive famiglie. Una volta morti gli uomini, i soldati romani si avventarono sulle donne e i bambini, sterminandoli, e compiendo un vero e proprio genocidio.

La battaglia ebbe tuttavia conseguenze importantissime. Pose fine all’invasione germanica, ma segnò anche l’inizio della rivalità tra Silla e Caio Mario. Una divergenza che porterà Roma alla guerra civile.

Rilevante e segno premonitore per il futuro fu il fatto che sia Silla che Mario disobbedirono al senato.

Prima Mario, il quale ordinò che tutte le legioni italiche fossero dichiarate romane senza il consenso dei senatori, poi Silla, famoso per aver infranto il divieto secolare che impediva alle truppe di stanziarsi entro le mura della città.

2 pensieri su “LA BATTAGLIA DEI CAMPI RAUDI – 30 LUGLIO 101 a.C.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...