Carlo V, l’imperatore sul cui regno il sole non tramontava mai.

Figlio dei sovrani spagnoli Filippo di Castiglia e Giovanna di Castiglia, arrivò a racchiudere nelle sue mani un immenso patrimonio economico e territoriale. Ereditò dai genitori infatti il governo sui territori spagnoli: l’Italia del sud,  la penisola iberica, i Paesi Bassi e le colonie spagnole in America.

Per questo al suo regno viene attribuita questa singolare caratteristica;  dai nonni paterni (gli Asburgo) ereditò inoltre anche l’Austria, a cui vanno aggiunti i territori acquisiti per via del matrimonio con Anna Jagellone ovvero la Boemia e l’Ungheria, regioni che egli legò al destino del regno austriaco.

Fu così che riuscì a diventare imperatore infine del Sacro Romano impero (una carica secondo molti storici comprata a colpi di “mazzette”). Quella che doveva essere una qualità e un punto di forza divenne ben presto al contrario un grosso problema per Carlo V. l’eccessiva estensione dell’impero, le guerre di religione e la gestione delle colonie dissanguarono in breve tempo l’erario, facendo arrivare il regno sull’orlo della bancarotta. Nonostante ciò gli eserciti dell’imperatore furono vittoriosi sui campi di tutta Europa, compresi quelli italiani.

Anthony_Van_Dick_-_Ritratto_equestre_dell'imperatore_Carlo_V_-_Google_Art_Project

A Pavia Carlo V incorse in una vittoria clamorosa, riuscendo a far prigioniero anche l’acerrimo nemico, il re di Francia, timoroso della posizione di accerchiamento che i domini di Carlo avevano nei confronti del regno francese.

Neanche i successi militari tuttavia bastarono. Stanco delle continue guerre e delle rivolte religiose che cominciarono ad insaguinare il continente preferì abdicare e dividere i propri territori, senza non prima aver tenuto una conferenza di pace (pace di Augusta) in cui vennero stabiliti rigorosi principi di compromesso in materia religiosa tra cattolici e protestanti.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...