L’archivio centrale dello stato italiano rischia la chiusura.

Qui sono conservati milioni di documenti della nostra storia, da Gramsci a Moro, ma anche foto e materiale dall’inizio dello stato italiano. Tuttavia la struttura sarebbe a rischio chiusura per la mancanza di fondi. A rivelarlo un’inchiesta del quotidiano “La Repubblica”.

Il Sovraintendente Agostino Attanasio ha commentato sostenendo che il fabbisogno annuale di fondi si aggira intorno agli 800.000 euro, a fronte dei quali il governo nello scorso anno ha messo in campo poco meno di 650.000 euro. Fino ad oggi l’archivio sarebbe andato avanti grazie alla parsimonia ed al risparmio degli amministratori, ma ora le cose si fanno più difficili. Se a partire da quest’anno fare il bilancio sarà un’impresa, per l’anno prossimo si rischia la chiusura definitiva. L’archivio venne costruito negli anni 50, ed oggi è costituito 120 chilometri di scaffali e una media di 36mila pezzi movimentati all’anno. Secondo Agostino l’unico modo per salvarlo è quello di trasferire la documentazione in un magazzino a Pomezia, dove si potrebbe dare vita ad un sito museale.

fonte: http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2014/08/20/news/archivio_di_stato-90863417/?ref=HREC1-9#gallery-slider=93333806

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...