Muore Stilicone, uno degli ultimi grandi generali romani. è il 22 agosto del 408 d.C.

Il 22 agosto del 408 d.C. Onorio fece uccidere il magister militum Stilicone. Nonostante egli avesse salvato l’Italia e Ravenna dalle invasioni, la sua colpa fu quella di non essere riuscito tuttavia a fermare la fiumana di popolazioni che avevano attraversato il corso del Reno.

Il confine sul fiume era stato abbandonato dalle legioni proprio per far fronte alla discesa dei barbari nella penisola. Molti popoli valicarono il corso d’acqua mentre era congelato e si insediarono sia in Gallia che nella penisola iberica. L’impero cominciava a perdere “de facto” il controllo su buona parte delle sue province. Si compiva il destino di quelli che molti storici hanno ribattezzato “gigante dai piedi d’argilla”. L’impero d’occidente, seppure molto esteso non godeva infatti delle stesse risorse economiche e militari del compagno orientale che in effetti sopravvisse per altri 1000 anni dopo la caduta della pars occidentalis.

Molti accusano Stilicone di aver compiuto numerosi errori tattici, tra cui quello di essersi fidato troppo del barbaro Alarico (desideroso di conquistare la carica di magister militum) e di non aver difeso strenuamente le frontiere imperiali. La realtà fu che nonostante forse il generale possa aver peccato di alcuni errori parziali, egli partiva da una situazione disperata. Con pochissime forze e risorse dovette far fronte a delle migrazioni aldilà delle capacità della forza romana. La divisione tra occidente ed oriente aveva penalizzato moltissimo la parte ad ovest, la quale si trovò a dover far fronte ad una frontiera estesissima, inclusa l’isolata Gran Bretagna.

Stilicone vinse la propria guerra contro i barbari, ma non potè far nulla contro le soverchianti forze nemiche che approfittarono della sua assenza per cause di forze maggiori. Egli si trovava in una difficile posizione sociale; figlio da parte di padre di un barbaro, era guardato con sospetto dall’aristocrazia romana da una parte e visto dall’altra con invidia dai capi barbari che miravano alla sua posizione. Furono questi fattori a costargli molto probabilmente la carica e in seguito la vita. Non si può biasimare tuttavia il generale per colpe che non ebbe. L’impero d’occidente non era destinato a sopravvivere forse proprio per come la situazione storica si presentava. La penisola era un lontano ricordo di quella provincia estremamente ricca e popolosa dei primi secoli d.C., il centro politico del Mediterraneo ora era Costantinopoli mentre Roma non era più nemmeno capitale dell’impero. Le terre ad occidente non erano ancora state completamente cristianizzate e la divisione religiosa imperava, costituendo dunque un ulteriore fattore di instabilità. Alcune fonti storiche parlano inoltre di una crisi generalizzata, provocata da malattie e spopolamento, tali per cui l’invasione occupò territori spesso quasi inabitati. Non si spiegherebbe altrimenti come mentre in passato l’impero fosse stato in grado di resistere efficacemente alle invasioni, mentre ora tremasse per ogni sconfinamento. Un ulteriore spiegazione potrebbe essere che furono le popolazioni ad est del Reno ad esplodere demograficamente, ma non c’è prova di questo fatto.

Per la storia di sicuro resta il fatto che da questo momento in poi l’unità imperiale non verrà mai più recuperata se non per breve parentesi (e mai del tutto complete). L’uccisione di Stilicone privò l’impero di un valido aiuto militare contro i barbari che si insediarono come foederati all’interno dell’impero d’occidente e che da li a pochi decenni ne causeranno il crollo definitivo.

A Stilicone va inoltre concessa una certa dose di coraggio e senso dello stato; nonostante sapesse di andare incontro all’arresto ed alla probabile morte, preferì non aizzare i propri soldati contro un impero che sapeva essere sull’orlo del collasso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...