Identificati i resti di Filippo II di Macedonia, padre di Alessandro Magno

Secondo gli archeologi, i resti di un individuo sepolto in un’antica tomba a Verghina (Grecia settentrionale) apparterebbero nientediméno che al padre di Alessandro Magno, Filippo II di Macedonia. Il luogo di sepoltura era stato identificato in realtà già nel 1977, quando l’archeologo greco Manolis Andronikos aveva scoperto il sito. Molti ritenevano però che questa fosse la tomba di un sovrano macedone vissuto qualche tempo più tardi e non rappresentasse affatto una delle scoperte archeologiche più importanti del XX secolo.

800px-Map_Macedonia_336_BC-it.svg

Il regno di Macedonia alla sua morte

Filippo II di Macedonia è famoso per aver dato inizio all’egemonia macedone sulla Grecia, nonchè per aver preparato il terreno alla guerra contro il secolare nemico del mondo greco: l’impero persiano. Padre di Alessandro Magno (figlio avuto da una delle sue tante mogli, Olimpia), venne ucciso da una sua guardia del corpo nel 336 a.C. durante un banchetto. Un ‘indagine sul caso, portata avanti dal famoso filosofo Aristotele, giunse alla conclusione che il re macedone fu fatto assassinare per futili motivi da Pausania di Orestide, forse su ordine di un potente santuario greco. Al fine di individuarne i resti è stato necessario attingere proprio alla storia del potente monarca; alcuni anni prima di rimanere ucciso, fu ferito ad una gamba. Tale segno è evidente nei resti dell’uomo ritrovato a Verghina; inoltre, l’ultima moglie del re macedone e il figlioletto furono fatti uccidere alcuni giorni dopo da un’altra congiura e i loro corpi seppelliti insieme a quelli di Filippo II. In effetti accanto ai resti dell’individuo sarebbero stati identificati altri due scheletri, appartenenti rispettivamente ad una giovane donna ed un neonato. Questi elementi aiuterebbero a gettare maggior chiarezza sull’effettivo luogo di sepoltura del sovrano; finora si Philip_II_larnax_vergina_greeceriteneva che il corpo fosse conservato in una tomba definita “Tomb I”, mentre oggi molti archeologi, tra cui  Antonis Bartsiokas, a capo della ricerca, sostengono che questa sia la prova che il corpo sia conservato invece all’interno di in un’altra tomba (posta sempre nel sito di Verghina) ed identificata con il nome ” Tomb II”

 Articolo di Stefano Borroni

fonte1: http://archaeology.org/news/3499-150721-macedonia-phillip-ii-tomb

fonte2: http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/rubriche/cronaca/2015/07/21/grecia-identificati-i-resti-del-padre-di-alessandro-magno_9076fd08-f9a6-474b-ab7c-db425a872acd.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...