I 10 musei più belli del mondo – la classifica di Amanti della storia

Quali sono i musei più belli di tutto il mondo? Amanti della storia ha stilato una classifica dei dieci musei (7 in Europa, 2 in America, uno in Africa) in cui bisogna assolutamente andare una volta nella vita.

Stilando questa classifica si è tenuto conto di una serie di parametri, tra cui il numero di visitatori, l’accessibilità dei prezzi e delle strutture architettoniche e di molte altre caratteristiche che fanno di un museo un’attrazione a livello internazionale.

10) Il Museo egizio del Cairo (Egitto)

Con oltre 136.000 oggetti in esposizione, il Museo egizio del Cairo ospita la più completa collezione di reperti archeologici dell’antico Egitto.
Fu fondato nel 1858 ed inizialmente aveva sede nel quartiere di Bulaq, nella zona settentrionale della città, ma in seguito alle frequenti inondazioni del Nilo venne spostato nella sede attuale, in piazza Tahrir, ad inizio ‘900.
Si tratta dell’unico museo africano presente nella classifica e i pezzi di maggior pregio che si trovano al suo interno, e che possono essere visitati dal pubblico, sono i reperti della tomba di Tutankhamon, scoperti nel 1923 dall’archeologo londinese Howard Carter (1874 – 1939), tra cui in particolare vanno menzionati la maschera d’oro e i sarcofagi del corredo funerario.

9) Il Museo del Prado di Madrid (Spagna)

Il Museo principale di Madrid ha una storia molto interessante alle spalle. Il progetto di costruire un museo dove ospitare la collezione della Casa Reale risale a Carlo III di Borbone (1716 – 1788), il quale decide di costruire un’Accademia, su progetto dell’architetto Juan de Villanueva (1739 – 1811).
Tuttavia ad inizio ‘800 la guerra contro la Francia napoleonica costringe l’amministrazione spagnola ad utilizzare l’edificio come caserma della cavalleria.
Sarà solamente grazie a Ferdinando VII di Borbone (1784 – 1833) e alla sua seconda moglie, Maria Isabella (1797 – 1818), che si potranno recuperare le stanze di Villanueva e allestirle per ospitare le collezioni d’arte.
Attualmente il Museo del Prado ospita più di 7.800 quadri e circa 5.000 disegni e al suo interno si ha la possibilità di vedere i capolavori di artisti come Francisco Goya (1746 – 1828) ed El Greco (1541 – 1614), ma anche di pittori italiani, tra cui Beato Angelico (1395 – 1455), Antonello da Messina (1429 – 1479) e Caravaggio (1571 – 1610).

8) Il Museum Of Modern Art (MOMA) di New York (Stati Uniti)

Il museo di arte moderna e contemporanea di New York ha sede a Manhattan e ospita più di 150.000 opere.
Venne fondato il 7 novembre 1929, esattamente nove giorni dopo il crollo della borsa di Wall Street, da un gruppo di donne, “the ladies“: Abby Aldrich Rockefeller, moglie di John Rockefeller Jr., Mary Quinn e Lillie Bliss.
Dal 10 maggio 1939 il Moma si trova all’interno del Rockefeller Center, sulla 53° strada.
Nella sua storia il museo principale di Manhattan ha ospitato mostre di grande prestigio: la retrospettiva di Picasso nel 1939-1940, la personale di Vincent Van Gogh nel 1935 e, attualmente, il famoso “Wish tree”, l’opera ideata nel luglio 2010 da Yoko Ono, la seconda moglie di John Lennon.
Se vi trovate a New York e avete la possibilità di visitare le sale del MOMA, potrete vedere le opere di artisti di calibro internazionale, come Paul Cézanne (1839 – 1906), Marc Chagall (1887 – 1985), Salvador Dalì (1904 – 1989) e Pablo Picasso (1881 – 1973).

7) Hermitage di San Pietroburgo (Russia)

Il Museo dell’Hermitage è situato nell’edificio della reggia imperiale che fu residenza degli zar di Russia fino al 1917, anno in cui la rivoluzione d’Ottobre sconvolse gli equilibri socio-politici del Paese.
Esso è composto da altre cinque sezioni, tra cui il Palazzo d’Inverno, costruito tra il 1754 e il 1762 su progetto dell’architetto fiorentino Bartolomeo Rastrelli (1700 – 1771); il Nuovo Hermitage, costruito tra il 1839 e il 1851 dal tedesco Leo von Klenze (1784 – 1864); e il Teatro dell’Hermitage, realizzato da Giacomo Quarenghi (1744 – 1817) tra il 1783 e il 1789.
Nonostante le altre sedi in varie città del mondo (Las Vegas, Londra, Amsterdam..), l’Hermitage di San Pietroburgo ospita le opere di una serie di artisti del calibro di Leonardo da Vinci (1452 – 1519), Raffaello Sanzio (1483 – 1520), Tiziano Vecellio (1480 – 1576) ed Edgar Degas (1834 – 1917).

6) Il Museo d’Orsay di Parigi (Francia)

Il secondo museo più famoso di Parigi si trova in una vecchia stazione ferroviaria di inizio ‘800, la gare d’Orsay. L’edificio, costruito da Victor Laloux (1850 – 1937) nel 1898 in occasione dell’Esposizione Universale, ha attraversato le due guerre mondiali e nel 1945 è diventato sede di transito dei prigionieri di guerra.
Dopo aver subito un intenso processo di restauro ad opera dell’architetto italiano Gae Aulenti (1927 – 2012), ha aperto al pubblico dal 1° dicembre 1986.
Il Museo d’Orsay ospita dipinti di alcuni dei più importanti artisti di due correnti pittoriche: l’impressionismo e il post-impressionismo. E, in particolare, al suo interno sono conservate le opere prodotte tra il 1848, anno della nascita della Seconda Repubblica francese, e il 1914, anno scoppio della prima guerra mondiale.
Pertanto, se doveste avere l’occasione di visitare questo splendido museo, avrete la possibilità di vedere i capolavori di artisti come Claude Monet (1840 – 1926), di Pierre-Auguste Renoir (1841 – 1919) e di Paul Gauguin (1848 – 1903).

5) Il British Museum di Londra (Regno Unito)

Fondato da sir Hans Sloane (1660 – 1753) nella seconda metà del XVIII secolo, il British Museum è il principale museo britannico sulla storia e sulla cultura dell’umanità.
Attualmente diretto da John Bloyd, ha mantenuto per tutta la sua storia la gratuità del biglietto (ad eccezione di alcune mostre temporanee).
L’apertura al pubblico risale al 15 gennaio 1759, dopo che re Giorgio II acquistò l’edificio per 20.000 sterline.
Attualmente ospita più di 8 milioni d’oggetti d’arte, tra cui mummie egizie e la splendida Stele di Rosetta, una stele egizia in granodiorite risalente al 196 a. C. con iscrizioni in geroglifico, demotico e greco.

4) Il Metropolitan di New York (Stati Uniti)

Il Metropolitan Museum of Art, conosciuto anche come “MET”, fu inaugurato il 20 febbraio 1872 ed è diretto dal 2009 da Thomas Campbell.
Ospita al suo interno più di 2 milioni di opere d’arte e raccoglie, nei suoi diciannove settori, oggetti risalenti all’Antico Egitto, all’arte bizantina, all’arte islamica, all’età classica e al Medioevo.
Situato nel centro di New York, in Central Park, dà la possibilità di visitare i capolavori di artisti italiani, come Sandro Botticelli (1445 – 1510), Caravaggio (1571 – 1610) e Andrea Mantegna (1431 – 1506), e stranieri, come Rembrandt (1606 – 1669), Van Gogh (1853 – 1890) e Salvador Dalì (1904 – 1989).

3) La Galleria degli Uffizi di Firenze (Italia)

Con i suoi 2 milioni di visitatori nel 2014, la Galleria degli Uffizi è il più importante museo italiano.
Fu costruito in soli cinque anni, dal 1560 al 1565, su disegno di Giorgio Vasari (1511 – 1574), uno dei principali artisti del Rinascimento italiano.
L’edificio, voluto dal Granduca Francesco I de’ Medici (1541 – 1587), figlio di Cosimo I (1519 – 1574), era inizialmente adibito a sede burocratica delle varie magistrature (da qui il nome) e venne inaugurato in occasione del matrimonio di Francesco I e Giovanna d’Austria degli Asburgo (1547 – 1578).
Il Museo ospita la maggior collezione di Sandro Botticelli (1445 – 1510), oltre che i capolavori di alcuni dei più importanti artisti italiani, come Cimabue (1240 – 1302), Giotto (1267 – 1337) e Michelangelo (1475 – 1564).

2) I Musei Vaticani (Città del Vaticano)

I Musei Vaticani ospitano tutte le opere accumulate dai papi nel corso dei secoli e nel 2014 sono stati il 5° museo più visitato al mondo (circa 6 milioni di visitatori).
Furono fondati da papa Giulio II della Rovere (1443 – 1513) nel XVI secolo e sono composti da più di 7 km di sale e corridoi. Aperti al pubblico dal 1771, su volere di Clemente XIV Ganganelli (1705 – 1774), contengono capolavori di arte antica, come le opere di Fidia (490 – 430 a. C. ) e di Lisippo (390 – 306 a. C.) e di arte moderna, come quelle di Beato Angelico (1395 – 1455), di Leonardo da Vinci (1452 – 1519) e di Caravaggio (1571 – 1610).
Tra i pezzi forti non si possono non nominare la Cappella Sistina e gli appartamenti papali, affrescati da Raffaello (1483 – 1520).

1) Il Louvre di Parigi (Francia)

Al primo posto nella classifica dei musei più belli di tutto il mondo non può che esserci il Louvre.
Situato nel I arrondissement di Parigi, ospita tra gli 8 e i 9 milioni di visitatori ogni anno.
Il museo prende il nome dal palazzo che lo ospita, il quale fu costruito per volere del re capetingio Filippo II (1165 – 1223) alla fine del XII secolo. Fu sede della monarchia francese fino al 1682, quando Luigi XIV (1638 – 1715) decise di trasferirsi nella Reggia di Versailles.
Al suo interno sono contenuti alcuni dei più importanti capolavori dell’arte classica, moderna e contemporanea: la Gioconda e la Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci (1452 – 1519), la “Libertà che guida il popolo” di Eugéne Delacroix (1798 – 1863), la Venere di Milo e “Amore e Psiche” di Canova (1757 – 1822).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...