I migliori 10 aerei della seconda guerra mondiale

Durante la seconda guerra mondiale gli aerei furono una delle forze in grado di ribaltare gli equilibri sui campi di campi di battaglia.

Le forze aeree erano necessarie non solo per il controllo sui cieli, ma per fornire supporto tattico e strategico alle forze navali e terrestri. L’Italia ad esempio pagò a caro prezzo l’assenza di portaerei, oltre alla mancata collaborazione tra forze aeree e navali. 

A Pearl Harbor, nonostante buona parte della flotta statunitense fosse stata affondata, la sopravvivenza delle sei portaerei statunitensi permise agli Stati Uniti di resistere e di passare in poco tempo al contrattacco. Inutile dire che senza l’intervento diretto dell’aviazione non sarebbe stato possibile nemmeno l’attacco a sorpresa dei giapponesi, le cui basi terrestri erano troppo distanti dal suolo statunitense.  La Blitzkrieg tedesca probabilmente non sarebbe stata quel rullo compressore in grado di piegare nel giro di pochi mesi (poche settimane nel caso della Polonia) gli avversari senza il decisivo appoggio dei caccia e dei bombardieri da picchiata.

Nel giro di pochi anni, dal 1939 a l 1945, l’aviazione compì passi da gigante. Si passò infatti dagli ancora presenti biplani (residuato della grande guerra) ai jet.

Vi proponiamo una lista, di alcuni dei migliori velivoli del secondo conflitto mondiale

P -51 MUSTANG

migliori_aerei_seconda_guerra_mondiale.jpg

A corto di aerei e di piloti, nel 1939 gli inglesi chiesero agli Stati Uniti di produrre l’obsoleto P-40 Warhawk. Questi, in appena 117 giorni progettarono per tutta risposta un aereo destinato a diventare forse il migliore tra quelli degli Alleati, il Mustang. Aggiornato diverse volte nel corso della guerra, divenne un aereo estremamente versatile, capace di volare più in alto di tutti gli altri e di eseguire le più svariate missioni, dalla semplice ricognizione sino al bombardamento. Montava a bordo ben 6 mitragliatrici  (inizialmente 4). La supremazia aerea alleata fu ottenuta anche grazie a questo velivolo

FOCKE WULF FW 190 A

migliori_aerei_seconda_guerra_mondiale2.jpg

Fino all’adozione dei modelli più avanzati di Mustang, il precedente P-51, fu il terrore delle “Flyng fortress” le terribili fortezze volanti alleate che bombardavano costantemente il suolo tedesco. Fu probabilmente il modello più potente utilizzato dalla Luftwaffe, vista la capacità sia di agire come caccia bombardiere che distruttore di carri armati nemici. Massicciamente utilizzato per la difesa dei cieli tedeschi nel 1944, montava bordo due piccoli cannoncini e quattro mitragliatrici. L’asso tedesco Oberleutnant Otto Kittel, a bordo di questo velivolo, riuscì ad abbattere ben 267 aerei nemici.

SUPERMARINE SPITFIRE

migliori_caccia_seconda_guerra_mondiale.jpg

è diventato il simbolo della resistenza inglese di fronte all’invasione aerea tedesca. Seppure non sia stato il più utilizzato durante la battaglia sui cieli d’Inghilterra, la sua grande manovrabilità e l’altissima velocità lo resero un arma potentissima nei duelli tra piloti. A bordo montava ben 8 mitragliatrici in grado di sparare senza essere in alcun caso ostacolato dall’elica.

MESSERSCHMITT BF 109

caccia_tedeschi.jpg

Fu utilizzato in larga parte durante la guerra civile spagnola, ma prese parte anche questo alla battaglia d’Inghilterra. Seppure in grado di competere con i velivoli nemici, il ruolo di scorta dei bombardieri tedeschi, ne limitò fortemente l’autonomia. Oltre ai radar, che ne segnalavano la presenza, i piloti di questo caccia dovevano far fronte anche un difetto notevole. Prima dell’introduzione di un modello aggiornato di serbatoio avevano pochissimo tempo per sorvolare l’isola, appena 30 minuti. Montava a bordo 2 mitragliatrici e due piccoli cannoni

MITSUBISHI A6M ZERO

caccia_zero.jpg

Nelle prime fasi del conflitto nessun caccia a stelle e strisce possedeva la stessa potenza di fuoco, l’agilità e il raggio d’azione dello zero. Dimostrato il suo valore durante la guerra contro la Cina, questo caccia fu presente a Pearl Harbor, dove finalmente gli Alleati ne riconobbero la forza. Seppure non fosse l’unico aereo in dotazione all’aviazione e alla marina giapponese, questo caccia grazie alla sua grande autonomia, spesso era il primo ad incrociare i velivoli nemici e da qui la grande fama. Mentre gli Alleati migliorarono i propri velivoli, i giapponesi restarono tuttavia indietro nella corsa tecnologica; questo aereo finì per essere usato nell’ultima fase della guerra dai famosi kamikaze. A bordo montava due cannoni e due mitragliatrici.

JUNKERS JU 87 STUKA

caccia_tedesco2.jpg

conosciuti semplicemente anche come Stukas, furono uno dei segreti del successo della Luftwaffe. La loro azione permise infatti in molte occasioni di fare piazza pulita dei mezzi pesanti nemici, dando così un appoggio importante alla strategia tedesca di guerra denominata “Blitzkrieg”, guerra lampo. Potevano infatti colpire con precisione bersagli a terra, sia grazie all’addestramento dei piloti che alla caratteristiche tecniche del velivolo. A bordo montavano anche una sirena, il cui effetto sonoro era in grado di generare ancora più terrore sui campi di battaglia della seconda guerra mondiale.
ILYUSHIN 2/10 STURMOVIK 
caccia_russo.jpg
Fu prodotto nell’incredibile numero di 36.000 esemplari, il che fa di questo modello il più utilizzato nella seconda guerra mondiale.
Definito “carro armato volante” per via del pesante corazzamento e della notevole potenza di fuoco , entrò in servizio pochi mesi prima dell’invasione tedesca in Russia (all’epoca URSS). Poteva trasportare fino a 1400 kg di bombe e se inizialmente era un classico caccia monoposto, venne aggiunto un sedile in più per un mitragliere. Divenne un vero e proprio simbolo di salvezza nazionale.
B-17 FLYNG FORTRESS
b_17.jpg
Le prime esperienze per questo aereo, e i rispettivi equipaggi, non furono certo dei più felici. Durante il primo tentativo di bombardare Berlino, persero la vita tanti soldati statunitensi in volo, quanti ne morirono a causa delle bombe (circa 400). Ben presto però divenne il simbolo della vittoria sempre più vicina per gli Alleati, prodotto in sempre più esemplari ed operante su tutti i fronti di guerra.
VOUGHT FU4 CORSAIR
caccia_statituniti.jpg
Si tratta probabilmente di uno dei caccia più letali mai costruiti nel secondo conflitto mondiale; operò sopratutto nel Pacifico, in “dotazione” alle forze navali statunitensi. Riuscì nell’obiettivo di surclassare il giapponese Zero, e fu talmente apprezzato da venir prodotto sino al 1953. Utilizzato sin dal 1943, fu una delle armi vincenti nell’assalto alle isole di Iwo Jima e Okinawa, grazie all’equipaggiamento aggiunto di bombe e razzi.
MESSERSCHMITT ME 262 
Me_262_flight_show_at_ILA_2006_(cropped).jpg
Si trattava del primo caccia della storia con motore a getto.
Giunse però sui campi di battaglia troppo tardi affinché potesse influire davvero sulle sorti del conflitto. Si trattava di uno dei primi jet, capace di abbattere gli aerei nemici senza correre alcun rischio (poteva raggiungere una velocità di 850 km/h). I tedeschi non riuscirono mai ad intuirne l’uso e il potenziale, molti esemplari vennero utilizzati infatti come bombardieri. Eppure, dopo la fine della seconda guerra mondiale, sovietici, inglesi e statunitensi ebbero molto da imparare da questi modelli. Un aereo prodotto dagli Stati Uniti, il Bell X-1, fu in grado di raggiungere una velocità MAC1 (più veloce del suono) proprio grazie al contributo degli studi tedeschi.
Articolo di Stefano Borroni
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...