Rivelazioni del ‘900, Adolf Hitler si drogava?

E’ spesso stato supposto che Hitler facesse uso di sostanze stupefacenti. Ora, il giornalista tedesco Norman Ohler ha pubblicato un libro in cui sostiene che il Führer fosse un «super-junkie» (junkie=drogato) con le vene distrutte da migliaia di iniezioni.

Secondo l’autore, Adolf Hitler era dipendente da una sostanza simile all’eroina, chiamata Eukodel, che gli era stata prescritta dopo un crollo nervoso durante il 1944, in seguito alla scoperta dell’Operazione Valchiria del 20 luglio.
Se tale tesi fosse confermata, le ricerche socio-psicologiche su una delle figure più controverse del XX secolo troverebbero un punto di svolta: la questione è se l’utilizzo di droghe abbia potuto influenzare il comportamento paranoico di Hitler negli ultimi anni della sua vita.

La tesi di Ohler si basa sulla lettura dei diari personali di Theo Morell, il medico personale del Führer che avrebbe scritto nelle sue pagine: «Oggi ho eliminato le iniezioni per consentire ai buchi delle punture fatte in precedenza di rimarginarsi».
E prosegue: «Nel gomito sinistro bene; a destra ha ancora dei punti rossi dove sono state effettuate le iniezioni».
Lo studio di Ohler copre un arco di tempo che procede dalla scoperta dell’Operazione Valchiria fino alla sua morte: «Temo che dal 1944 in poi, non passò un giorno che Hitler non fosse sobrio, diventando paranoico e ansioso».

Il libro Blitzed: Drugs in Nazi Germany, che sarà pubblicato oggi in Inghilterra, ha già provocato una serie di reazioni nel mondo scientifico: Antony Beevor, noto storico inglese interessato alle dinamiche della seconda guerra mondiale, sostiene che è molto probabile che questo possa essere il motivo per spiegare l’irrazionalità tecnico-militare di Hitler durante il conflitto.

Fonti: telegraph.co.uk.

Annunci

4 pensieri su “Rivelazioni del ‘900, Adolf Hitler si drogava?

  1. Notare la faziosità dello storico inglese:
    “Antony Beevor, noto storico inglese interessato alle dinamiche della seconda guerra mondiale, sostiene che è molto probabile che questo possa essere il motivo per spiegare l’irrazionalità tecnico-militare di Hitler durante il conflitto.” E’ solo alla fine che Adolf avrebbe usato droghe per sostenere il suo cervello e riuscire a guidare il suo popolo.

    E’ chiaro a tutti che un tal personaggio coinvolto nella terribile situazione di Italia e Germnia, fatte attaccare dai B17 in una guerra non loro dai banchieri ebrei, aveva bisogno di sostanze capaci di raffreddare la tremenda situazione in cui erano i neuroni del Capo di Stato.
    Sapete che lo fanno anche i chirurghi per sostenere 8 ore di camera operatoria, dove il morto al massimo può essere uno, figuriamoci un Capo di Stato dalle cui decisioni i morti possono essere milioni.

    Si può meravigliare solo un incompetente di neurologia.

    Mi piace

    • Ok questo ha senso ma quello che l articolo non dice è che morell dava a baffino anche un mix di anfetamine, sempre in vena ogni mattina, da molti anni prima il 44. Dicono che adolf quando si svegliava era tipo zombie poi con la magica iniezione si alzava dal letto quasi saltando e parlando in modo concitato. . E c è chi sostiene che hitler non sapesse fino in fondo ol contenuto di questo mix endovena ma gli piaceva l effetto quindi nn si faceva troppe domande anche se gli altri suoi dottori lo misero in guardia. C è da dire che ai tempi non c era lo stigma sulla droga che c è ora o meglio alcune delle droghe di oggi erano medicine. La whermacht come i piloti da caccia americani e inglesi prendevano il pervitin che altro non è che la meth di oggi per non sentire dolore fame e stanchezza. Goring era dipendente da morfina come conseguenza di un incidente aereo e per “farsela passare” negli ultimo anni abusava di coca, ecc ecc. Anche se in effetti oggi come allora in pubblico era disprezzata e in privato i potenti si facevano alla grande, quindi tanto diverso da oggi non è

      Mi piace

      • Concordo che l’uso di droghe di vario tipo, nel periodo e situazione in argomento, era visto come un rimedio medico eccezionale e non nella visione odierna di piaga sociale. Ragionevole che Adolf Hitler ne facesse quindi uso “terapeutico”, magari sull’esempio di Hermann Goering che lo frequentava spesso… Però mentre questa è una ragionevole supposizione, è certo che la devastante avanzata del “parkiinson” e l’enfatizzazione delle sue note fobie sul tradimento che aveva sempre avute, sono le cause dirette del tracollo psicofisico del personaggio.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...