Yorkshire, scoperta la posizione del Castello di Camelot

Dopo mesi e mesi di ricerche, un professore in pensione ha dichiarato di aver finalmente scoperto la collocazione del leggendario castello di Camelot, la residenza di re Artù.

La corretta posizione geografica del castello è stata al centro di molti dibattiti e confronti in sede scientifica. Persino l’esistenza del famoso re, personaggio centrale del Ciclo bretone, è stata più volte messa in discussione.
Ora, dopo 18 mesi di ricerche, il professor Peter Field, esperto di storia e letteratura presso la Bangor University, ha confermato che Camelot era in antichità un piccolo accampamento romano nei pressi di Slack, nella regione dello Yorkshire.

2

«E’ stato tutto abbastanza casuale. Stavo guardando alcune mappe, e improvvisamente tutti i nodi sono venuti al pettine» ha detto il professor Field. «Penso di aver risolto un mistero di 1.400 anni».

1

Gli antichi romani costruirono l’accampamento nei pressi di Slack, denominandolo “Camulodunum”, corrispondente all’attuale città di Colchester. Il nome starebbe a significare “il forte del dio Camulos”, dove Camulos rappresenta il corrispettivo celtico del dio romano della guerra, Marte, e avrebbe dato origine a Camelot.
«Se fosse esistito davvero un re Artù, come io credo, sarebbe vissuto intorno al 500 d.C., anche se i primi riferimenti risalgono ad alcuni poemi francesi del 1180».

Un pensiero su “Yorkshire, scoperta la posizione del Castello di Camelot

  1. Pingback: Yorkshire, scoperta la posizione del Castello di Camelot | MDSNetwork

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...