James Polk, la storia del presidente morto che non può riposare in pace

A Nashville, nel Tennessee, è iniziata una campagna per dissotterrare l’undicesimo presidente degli Stati Uniti d’America, morto di colera nel giugno 1849: James Knox Polk.

Se la risoluzione del Senato dovesse andare in porto si tratterebbe del quarto tentativo di spostare il cadavere del politico americano. L’obiettivo della riesumazione sarebbe quella di ricollocare la salma di James Polk 50 miglia più a sud rispetto a dove si trova ora, vicino alla città di Columbia, dove il presidente visse la sua infanzia e dove si trova il Museo a lui dedicato.

«Stiamo facendo il nostro meglio per mantenere intatto l’onore di James Knox Polk, perché è ciò che egli ha lasciato scritto nelle sue volontà» sostiene Tom Price, curatore del progetto, mentre Teresa Elam, discendente di settima generazione di Polk, che risiedette alla Casa Bianca dal 1845 al 1849, ha definito la questione “mortificante“.

Fonti: cbsnews.com, bbc.co.uk.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...